La Roma spiegata a mio figlio, un libro per riscoprire le radici del calcio di una volta

La Roma spiegata a mio figlio è la storia di una squadra (e di tutto il calcio italiano) attraverso le sue fasi più belle

Annunci

La storia della squadra della Roma come è iniziata? Quando i suoi giocatori ne hanno cominciato a scrivere le prime storiche vittorie e quando è balzata agli onori della cronaca, per il talento di un gruppo intero di calciatori? Queste e altre curiosità sono tutte racchiuse all’interno del volumetto che sarà presentato il prossimo 9 marzo a Roma, in Via dei Banchi Vecchi 57 presso la libreria ODRADEK. Alle ore 17, gli autori Cristiano Sagramola e Lorenzo Contucci con Francesca della Torre parleranno de La Roma spiegata a mio figlio, testo nato dall’idea di far conoscere ai giovani tifosi giallorossi le vere radici del calcio italiano, quando era lontano dagli interessi di mercato. Tra le pagine gli aneddoti più divertenti, le partite indimenticabili e i nomi dei campioni più noti. A raccontarli al meglio, anche due luminari del Football, i professori Windsor e Newton, ad accompagnare il lettore tra le righe e a mostrare com’era il calcio dei primordi, quando le squadre erano pochissime e la Roma ancora non esisteva.

La nascita di un mito

Il libro è pensato per gli appassionati più giovani, ma anche per tutti coloro che amano la Roma e il calcio in generale. Presentato in una forma immediata, potrà far scoprire aneddoti dimenticati che sono da sempre l’eredità più preziosa di questo bellissimo sport.118 pagine a colori, con più di cento tra disegni, vignette ed elaborazioni grafiche, al costo di 18 euro, con un 50 per cento dei proventi devoluti in beneficenza. In particolare, Lorenzo Contucci si occuperà di donare la sua quota all’associazione Davide Ciavattini per la ricerca e la cura dei tumori e delle leucemie infantili presso l’Ospedale Bambin Gesù.

 

 

Francia 2019: un anno ricco di eventi, celebrazioni e sorprese

Questo è un anno speciale per la Francia, tra celebrazioni e ricorrenze importanti: scopri quali

Non solo eventi a tema, ma soprattutto diverse ricorrenze che vanno celebrate al meglio: la Francia, in questo 2019 ha tanti assi da giocare e, regione per regione, presenta le sue novità. C’è tutto il tempo, dunque, per cercare un volo low cost e prenotare anche un lungo weekend in questo Paese tanto vicino a noi, quanto ricco di attrazioni, paesaggi e sorprese. Dall’Alsazia, alla Normandia, fino alla Valle della Loira, ogni mese è un ricco calendario carico di appuntamenti per tutti i gusti ed esigenze.

Eventi Francia: cosa non perdere

Alsazia

  • La Festa di Primavera a Colmar: dal 4 al 22 aprile, per il nono anno, la città celebrerà questo periodo con due mercati (di Pasqua e di Primavera) e tre esposizioni con vendita delle creazioni artigianali più belle del luogo e con il Festival di Musica e Cultura, tra concerti jazz e proposte classiche.
  • Slowup sulla Strada dei Vini: il 2 giugno 2019, ricorrerà la settima edizione di questa giornata di festa, sport e gusto con un percorso di 31 km lungo la ciclabile dei vigneti fra Sélestat, Chatenois e Bergheim.

Normandia

  • L’evento più importante, sarà quello del 75esimo anniversario dello sbarco e della battaglia di Normandia. Tutta l’area, dunque, si mobiliterà per ricordare quei momenti storici e, da marzo ad agosto, saranno numerosi gli appuntamenti.. Tra questi ci saranno l’illuminazione della costa con fuochi d’artificio sincronizzati, pic-nic gigante sulla spiaggia di Omana Beach, lancio con il paracadute di centinaia di militari su Sainte-Mère-Eglise e molto altro ancora.
  • Proprio quest’anno, tra l’altro, l’Armada (uno dei più grandi raduni marittimi del mondo), celebrerà i suoi trenta anni con visite guidate, fuochi d’artificio tutte le sere e workshop a tema.

Bretagna

  • Festival Interceltico di Lorient dal 2 all’11 agosto
  • Festival di Fotografia di La Gacilly
  • La Settimana del Golfo 2019, con la decima edizione del raduno biennale di oltre un migliaio di imbarcazioni provenienti da tutta Europa

Centro-Valle della Loira

Qui si festeggiano i 500 anni del Rinascimento e, tra gli altri incontri, ci saranno tre mostre speciali: Bouteille à la Mer/Message in a bottle sui cambiamenti climatici, Le portrait impossible sui ritratti vietati e mascherati dalla storia dell’arte e Il gabinetto di curiosità artigianali. A Bourges, dopo venti anni, arriva una nuovissima versione delle Nuits Lumiere con un rinnovato percorso luminoso.

Altre curiosità da segnare in agenda

  • Bordeaux con la Cité du Vin e un percorso permanente immersivo e sensoriale esteso su tremila metri quadrati e 19 spazi tematici.
  • Nimes, il Museo della Romanità e la mostra temporanea dal titolo”Pompei, storia di un salvataggio”.
  • Festival d’Aix en Provence, dal 3 al 22 luglio: l’appuntamento di opera e musica classica, è stato creato nel 1948 ed è considerato tra i più importanti d’Europa, con un occhio a Mozart.
  • Saint Tropez e la baia di Pampelonne con le sue spiagge mitiche: saranno ridotti gli stabilimenti balneari, per dare più spazio ai litorali e alla loro bellezza.